Fandom

Saint Seiya Wiki

Radamante della Viverna

385pages on
this wiki
Add New Page
Talk0 Share
Rhadamante della Viverna
Rhadamante
(天猛星ワイバーンのラダマンティス, Ten mo sei Wyvern no Rhadamantis)
Debutto
Anime Saga di Hades Episodio 3
Videogioco Saint Seiya - Hades Chapter -Sanctuary
Doppiatori
Italiano Simone D'Andrea
Giapponese Takehito Koyasu
Informazioni
Specie Umano
Sesso Masculino Maschio
Nazionalità 800px-Flag of the Faroe Islands.svg Isole Fær Øer
Età 23 anni (serie classica)
28 (Lost Canvas[1]))
Altezza 189 cm
Peso 84 kg
Tipo di Armatura Sùrplice
Divinità Ade
Stella Malefica Stella del Cielo Furioso (Tenmo Sei)
Esercito Armata infernale
Divisione Specter di Radamante
Affiliazione Ade
Rango Generale d'Inferno
Nobile[2]
Guardiano del Caina
Casa di Saturno
Tecniche
Greatest Caution
Gliding Roar

Rhadamante è uno Specter di Ade della Stella del Cielo Furioso (Tenmo Sei) e Gigante degli inferi. Il suo nome deriva dall'antica divinità cretese Radamanto (o Radamante appunto), mentre la sua Surplice rappresenta una Viverna (Wyvern in originale, traslitterato Wybern nella prima edizione del manga[3]).
Nelle due edizioni italiane del manga classico viene mantenuta la scrittura angololatina del nome (Rhadamantys), mentre il doppiaggio dell'anime e l'edizione italiana del manga I Cavalieri dello zodiaco - The Lost Canvas - Il mito di Ade hanno prefertio la dicitura italiana Rhadamante (o Radamante nel caso di Lost Canvas).

CreazioneEdit

Nel concepire Radamante, Masami Kurumada utilizzò il "Metodo Osamu Tezuka" (dal nome del mangaka che per primo lo usò) con cui si intende il riprendere e riutilizzare uno stesso personaggio per una storia differente, dandogli solitamente personalità e ruoli simili via via che lo si usa. Nel caso del Giudice, l'autore riutilizzò Relta della croce del Sud, da lui creato per il primo film dei cavalieri, La dea della discordia.

I due personaggi condividono l'aspetto fisico, praticamente identico, e la servitù ad una divinità in grado di far risorgere i morti.

StoriaEdit

Serie classica Edit

E' uno dei tre più forti guerrieri di Ade, Rhadamante della Viverna è forse lo Specter che più compare durante la serie di Hades. Rhadamante è il primo Gigante degli inferi ad apparire: è a lui e Pandora che Ade ha affidato il compito di attaccare il Santuario di Atena per ucciderla. Deciso e impulsivo, contravviene agli ordini di Pandora inviando al Santuario sedici Specter poiché non si fida della giurata fedeltà ad Ade dei Cavalieri d'oro deceduti.

Guerriero temibile anche per la sua scaltrezza, in quanto non si è fidato né dei Cavalieri d'oro resuscitati né di Orpheo ed è grazie a lui se i loro tentativi di ribellione nei confronti di Ade non sono andati a buon fine.

Riesce a sconfiggere Mur, Aiolia e Scorpio al castello di Ade sulla Terra[4][5] È protagonista anche durante le battaglie nell'oltretomba, regno di Ade, dove alla Giudecca ferisce a morte Orpheo della Lira e affronta in duello Kanon di Gemini svariate volte, finendo col morire per mano dell'odiato nemico.[6]

Lost Canvas Edit

Kardia

Rhadamante sulla copertina del n°23 di Lost Canvas

Nel prequel Lost Canvas viene sconfitto dall'attacco suicida del Cavaliere dello Scorpione del 1793, Cardia, durante una battaglia nella città sommersa di Atlantide.

Tuttavia sopravvive e torna al cospetto di Ade, ricevendo dal dio parte del suo sangue (che fa evolvere la sua nuova armatura) e l'invito a prepararsi in vista dell'invasione del Lost Canvas da parte dell'esercito di Atena, venendo posto a guardia del sesto Tempio Malefico: Saturno.

Qui, dopo una dura lotta, riesce a sconfiggere il Cavaliere del Leone Regolo (di cui aveva in precedenza affrontato il padre e predecessore, Ilias), venendo mortalmente ferito. Con le sue ultime forze si trascina da Aron e distrugge, poco prima di essere ucciso dal dio, il ritratto di Atena, consentendo a Sasha di ritrovare i poteri perduti.

Lo scopo di questo gesto, apparentemente contro la propria fazione, è quello di fare in modo che Alone venga sconfitto, in modo tale che Ade (e con lui Radamante) possa tornare a combattere una nuova guerra santa in futuro.

Da dalle immagini flash-back mostrate dall'autrice nel corso dei capitoli si può intuire che prima di diventare uno Specter Rhadamante fosse un nobile, difatti lo vediamo compiere attività come tirare di scherma e andare a cavallo.

SubordinatiEdit

Come gli altri due Giudici, Rhadamante ha sotto il suo diretto comando un'armata di Specter. Il suo gruppo è quello più analizzato all'interno dell'opera originale, dato che i vari membri vengono mandati direttamente all'attacco del Santuario di Atena. Sembra essere un gruppo molto affiatato e fedele al suo comandante.

Tra di essi si possono elencare Papillon della Farfalla, Raimi del Verme, Niobe di Deep, Giganto del Ciclope, Zelos della Rana, i tre specter lasciati a guardia del Muro del Pianto (Gordon del Minotauro, Queen di Alraune, Shilfield di Basilisco) e Valentine dell'Arpia, che è il suo vero e proprio luogotenente.

ColpiEdit

Castigo Infernale (グレイテストコーション Gureitesuto Kōshon, Greatest Caution): colpo mortale principale di Rhadamante, apparso per la prima volta nella serie classica. Nell'anime quest'attacco prende forme diverse: difatti nei primi OVA della Hades-Chapter Sanctuary, è una sfera di energia di grande potenza con la quale Rhadamante colpisce l'avversario, mentre nella seconda parte (il Chapter Inferno) questo colpo assume le sembianze di una possente viverna di energia. Da notare che negli OVA del Sancutary l'attacco viene eseguito in maniera differente dagli episodi successivi e dai manga; difatti nell'eseguirla lo Specter allarga le braccia di 180°, anziché congiungere le mani per scagliare il colpo contro l'avversario.

Strati di spirito (積尸気冥界波 Sekishiki Meikaiha): negli OAV Santuary della serie Hades, al personaggio viene data una versione della tecnica segreta del Cavaliere del Cancro con la quale può scagliare le anime dei suoi avversari sulla Bocca di Ade, l'anticamera del regno dei morti, a differenza del cavaliere però, Rhadamante è in grado di trasportare l'intero corpo fisico della sua vittima e quindi precipitarlo direttamente nel regno dei morti


Gliding Roar (グリーディングロア Gurīdingu Roa) tecnica sia offensiva che difensiva che consiste in un forte ruggito che provoca un'onda d'urto, visto solo in Lost Canvas.

NoteEdit

  1. Manga di The Lost Canvas, nel messaggio di ringraziamento del volume 22 edizione originale (44 edizione italiana)
  2. solo Lost Canvas
  3. Gli adattamenti della serie su www.icavalieridellozodiaco.net fan site
  4. Manga de I Cavalieri dello zodiaco capitolo 91, edizione tankobon
  5. Nel manga viene specificato che ciò è reso possibile dalla barriera eretta da Ade che indebolisce il cosmo dei nemici. Negli OAV del Sanctuary non si fa riferimento alla barriera, ed essa viene accenata solo nel quarto OAV del Meikai
  6. Manga de I Cavalieri dello zodiaco, capitolo 97 edizione tankobon

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.