FANDOM


Oniro
Oneiros2LCA
(夢神・オネイロス, Mushin Oneirosu)
Debutto
Manga Lost Canvas Capítolo 70
Anime OaV Lost canvas Episodio 19
Doppiatori
Giapponese Hideo Ishikawa
Informazioni
Specie Divinità
Sesso Masculino Maschio
Nazionalità Mondo dei sogni
Tipo di Armatura Surplice
Divinità Ade/Hypnos
Affiliazione Ade
Rango Dio dei sogni
Guardiano del Mondo dei sogni
Padre Hypnos
Zii Thanatos
Eris
Fratello Icelo
Fantaso
Morfeo
Tecniche
Guardian Oracle

Oniro, il dio dei sogni (夢神・オネイロス Mushin Oneirosu?) è il dio che amministra gli oracoli, capo degli del gruppo e può unirsi con le anime dei suoi fratelli per diventare un gigantesco centauro (aspetto con cui si racconta abbiano distrutto un intero regno). Come carattere è poco approfondito, ma al pari di altre divinità è molto orgoglioso e considera gli esseri umani come insetti.
Possiede vari poteri, fra cui quello d'imprigionare la mente delle persone in un sogno, dopo averlo sfiorato con un ramoscello, quello di aprire i portali per il mondo dei sogni e anche quello di evocare le anime dei suoi fratelli, sebbene i corpi ne siano andati distrutti.
Contando anche le informazioni dell'anime, è l'unico a cui non viene assegnata il controllo di una zona. A differenza dei suoi fratelli ha i capelli azzurri, questo perché nel mito egli era anche fratello di Ipno ed è stato voluto per metterlo in una condizione diversa dagli altri[1].

Attacchi
  • Guardian Oracle: attacco portato con un solo dito del dio, in grado (secondo quanto lui afferma) di distruggere sia il corpo che l'anime di chi colpisce.


Note Edit

  1. [http://www.sorkino.it/index.php?showtopic=4936&st=180] Traduzione dell'intervista a Shiori Teshirogi</nowiki> sul pamphlet del qarto DVD della seconda serie, dal sito sorkino.net

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.