FANDOM


Template:Torna a Nella serie di anime e manga I Cavalieri dello zodiaco, l'azione si svolge in diversi luoghi, sia reali che immaginari. Quest'ultimi sono spesso ispirati a costruzioni realmente esistenti e comrpendono sia luoghi creati dagli autori (come il Grande Tempio di Atene o il castello di Ade), che reinterpretazioni di luoghi mitologici (ad esempio l'aldilà o l'Olimpo).
Segue qui un elenco e la descrizione dei luoghi apparsi nei vari media che compongono la serie, divisi (ove possibile) per continente e stato.

AsiaEdit

GiapponeEdit

Nuova LuxorEdit

Nuova Luxor (nome dato nell'adattamento italiano dell'anime alla città di Tokyo), è la città di provenienza di Pegasus, Sirio, Andromeda e Phoenix. Vi hanno sede l'Arena dei Tornei (in originale Colosseo Grado), la villa in cui vive Lady Isabel e in cui ospita alcuni dei Cavalieri di bronzo (Villa Kido, la cui struttura è basata nel manga sul palazzo del Reichstang di Berlino, mentre nell'anime su villa Iwasaki[1]) con annesso osservatorio (almeno nell'anime), il Collegio St. Charles (l'orfanotrofio, in originale Orfanotrofio dei bambini delle stelle), il centro di ricerche del Professor Righel e l'appartamento di Pegasus.
Nel manga appare anche il New Tokyo International Airport (oggi Aeroporto Internazionale Narita[2])

Il Tempio di DiscordiaEdit

Si tratta del tempio che il cosmo della dea Eris fa risorgere dopo la sua liberazione dalla cometa (nel primo film La dea della discordia). Non si trova in Grecia ma in Giappone, vicino a Tokyo (Nuova Luxor). Scompare dopo la sconfitta della dea. Stranamente anche se il Santuario di Eris dovrebbe essere vicino a Tokyo e quindi nell'isola di Honshu, nella lettera di sfida che la dea lancia ai Saint compare una mappa dell'Hokkaido.

Altri luoghi in GiapponeEdit

  • Il monte Fuji dove (nel manga) i Cavalieri di Bronzo incontrano i Cavalieri Neri
  • La valle della morte (luogo immaginario che sostituisce il monte Fuji nell'anime)

CinaEdit

  • I Cinque Picchi (Goro-oh) e la Cascata del Dragone, nella località del Monte Lu nella regione dello Jiangxi. Da notare che la traduzione di Goro-oh dovrebbe essere Picco dei Cinque anziani[3].
  • La grotta dove si nasconde la gorgone Euriale, nella provincia del Sichuan, apparsa in Episode G
  • Il Jamir, con il cimitero delle armature, la torre di Mur e la casa della famiglia di Yuzuriha in Lost Canvas. Come luogo sembra richiamare per nome e morfologia il Pamir.
  • La torre degli Specter, che sebbene si trovi in Cina è ispirata al Tempio di Bayon, in Cambogia[1]

Altri lughi in AsiaEdit

File:Kusinara.jpg
  • Lo stupa del Parinirvāṇa a Kushinagar in India, dove Virgo si reca in Episode G.
  • Il monte Arima in Anatolia dove si trova il Santuario dei Giganti (nel romanzo Gigantomachia)
  • Il monte Gandhara, al confine fra India e Cina, apaprso nell'anime classico.
  • Il tempio Angkor-Wat, in Cambogia (apaprso brevemente nel terzo film)

AfricaEdit

EgittoEdit

Dove si svolge il manga Aiolos-hen, comprende la città del Cairo e la tomba dov'è sigillato Apophis (non lontano dalla diga di Assuan). Successivamente, in Episode G, una tigre dai denti a sciabola riprenderà vita insieme ad una foresta preistorica vicino a Giza, per effetto della Sabbia Adamantina di Crono.

EuropaEdit

GreciaEdit

Grande TempioEdit

Template:Luogo fittizio Il Grande Tempio è la base dei Cavalieri di atena e si trova vicino ad Atene. In originale sia nell'anime che nei manga viene chiamato con l'inglese Sanctuary, ma nelle edizioni italiane dei manga tale termine è stato tradotto letteralemnte in Santuario, mentre Grande Tempio è il termine usato nell'addatamento dell'anime classico[4]. La zona intorno al Grande Tempio vero e proprio è denominata Terra Santa e vi sono presenti l'arena del torneo e le zone di allenamento e di alloggio dei futuri Cavalieri e dei soldati.

Il Grande Tempio vero e proprio è costituito da:

  • La biblioteca, prima delle dodici case: lì viene uccisa Yuri nel romanzo Gigantomachia.
  • Le Dodici Case dello Zodiaco dei dodici Cavalieri d'oro (compreso il giardino dietro la casa della Vergine, le caverne sotto quella di Sagittario e la scalinata di rose dopo quella dei Pesci) e la sala del Grande Sacerdote (la cosiddetta "Tredicesima casa", che molto probabilmente contiene anche l'ufficio del Sacerdote visto nell'anime di Lost Canvas[5]) e successivamente il Tempio di Atena dove si trova la statua di pietra della dea (in realtà è la sua armatura) [6]

Nel corso della serie sono state mostrati i seguenti ambienti:

  • L'altura delle Stelle (Star Hill in originale e nell'edizione Star Comics), graficamente ispirato alla zona delle Metore[1]
  • La Meridiana dello zodiaco (o Orologio di Fuoco in originale).
  • L'ufficio di Phaeton e di Gigas (solo nell'anime).
  • La prigione di Urano (in Episodio G).
  • La prigione dove viene rinchiuso Tenma da Manigoldo in Lost Canvas, e il passaggio segreto attraverso cui scappa insieme a Yato e Yuzuriha.
  • L'abitazione personale di Lugonis con il campo di rose demoniache, apparsa nel CD Drama di Lost Canvas e nel capitolo gaiden da esso tratto.

Rodorio Edit

Template:Luogo fittizio Rodorio è il villaggio che si trova nei pressi del Grande Tempio, i cui abitanti hanno il compito di custodire il passaggio tra il Santuario e il mondo esterno (che si trova dietro un negozio di fiori). In questo villaggio viene ospitata Patricia, quando perde la memoria dopo essere giunta in Grecia alla ricerca di Pegasus.

In The Lost Canvas è il villaggio attaccato da Minosse e i suoi sottoposti, sconfitti da Albafica, e vi vie la piccola Agasha con suo padre (un fiorario). Anche Hasgard del Toro sembra avere una casa.

Il Tempio della CoronaEdit

Il Tempio della Corona è il Santuario di Apollo e si trova tra le colline delle Divinità (Dignity Hill), vicino al Santuario di Atena (nel terzo film La leggenda dei guerrieri scarlatti). Intorno vi sono le rovine di vari templi, simbolo dei pianeti che ruotano intorno al sole (Apollo).

Palazzo degli Intrighi Edit

Palazzo fatto sorgere da Lucifero quando giunge sulla Terra, vicino al Grande Tempio di Atena, e dominato da un'imponente statua di Satana (nel quarto film L'ultima battaglia). Crollerà dopo che il suo creatore farà ritorno negl'inferi per mano di Pegasus.

Capo SounionEdit

File:Cape Sounion AC.JPG

Capo Sounion è un promontorio che corrisponde al vero capo Sounion sul mare Egeo nell'Attica. Nell'edizione italiana della serie animata per un errore di traduzione la Prigione di Capo Sunion viene erroneamente chiamata Prigione di Atene facendo intendere che si trovasse vicino al Grande Tempio, tuttavia nel doppiaggio italiano della serie di Hades quest'errore è stato corretto Nelle sue basi vengono rinchiusi i prigionieri del Santuario per scontare le loro pene, mentre sulla sua sommità, come nel vero capo Sounion, vi sono i resti di un tempio dedicato a Poseidone.

Si tratta di un posto tremendo, in quanto, con l'alta marea, si allaga quasi completamente e richiede ai prigionieri grande forza d'animo e fisica per resistere e non impazzire.

La prima volta che appare nella serie è quando Gemini vi rinchiude il gemello Kanon dopo che questi gli aveva proposto di prendere il possesso del Santuario. Rimasto là sotto per molto tempo, ogni volta che la marea saliva Kanon sentiva un cosmo benevolo che gli salvava la vita. Una volta trovato il tridente del Re dei Mari, Kanon era certo fosse di Poseidone, ma alla fine della saga di quest'ultimo si scopre che era di Atena e che essa, sebbene Kanon si fosse proposto di ucciderla, gli era ugualmente favorevole e lo aveva perdonato.

Altri luoghi in GreciaEdit

ItaliaEdit

  • La città di Aron, Sasha e Tenma in Italia (in Lost Canvas) con vicino il Duomo della Foresta che diverrà il Castello di Ade.
  • La città di Manigoldo distrutta dagli Specter durate un attacco, sempre in Lost Canvas[7]

SiciliaEdit

  • Il monte Etna dov'è imprigionato Tifone (Episode G e Gigantomachia[8]).
  • La città di Taormina col suo teatro nel romanzo Gigantomachia
  • Piazza San Pietro a Roma (apparsa brevemente nell'ultimo episodio della serie aniamta)

FranciaEdit

  • Il castello in cui vive la misteriosa madame Garnet coi suoi Jewels, affrontati da Degel[9]

AsgardEdit

&nbsp Asgard è il luogo natio dei Cavalieri di Asgard (God Warriors) fedeli al dio Odino e alla sacerdotessa Hilda di Polaris.

Asgard è una terra gelida, tormentata dalla neve e dai ghiacci, per questo i suoi abitanti hanno imparato cos'è la vita dura. Asgard è ricca di foreste e non mancano nemmeno carvene vulcaniche e ghiacciaio nei pressi delle coste. Manca completamente uno sviluppo tecnologico, sembra infatti essere fermi all'era mitologica. Gli abitanti vestono con mantelli e pelli di animali, si spostano a cavallo, si difendono con spade e lance e vivono in case in legno o, nel caso di famiglie nobili, in dimore in pietra. Nell'entroterra c'è il castello di Asgard, dimora di alcune famiglie nobili e della sacerdotessa di Odino, nonché punto di ritrovo dei Cavalieri di Asgard.

Una prima versione di Asgard è quella comparsa nel secondo film, governata dal Sommo Sacerdote Balder. Tuttavia sia dell'Asgard della serie animata che di quella del film non viene mai mostrata la città in sé, ma solo alcuni ambienti del palazzo.

Blue GradoEdit

Blue Grado (Blugrad nell'edizione italiana di Lost Canvas) è una città sita nella Siberia dell'est compare in una storia di Cristal, dove c'è regno è chiamato Blue Grado ed è popolato dai Blue Warriors invece che dai Cavalieri di Asgard, e si colloca in Siberia anziché in Europa settentrionale.

Nell'Ipermito è svelato che i Blue Warrios sono discendeti di un gruppo di Cavalieri mandatri da Atena a sorvegliare l'ingresso per Atlantide, capitale del Regno di Nettuno (come mostrato in Lost Canvas).

Altri luoghi in EuropaEdit

  • La Siberia, luogo di allenamento di Cristal, con il relitto della nave in cui si trova il corpo di sua madre, la sua casa, il villaggio Kobotec e Blue Grado.
  • Il castello di Pandora e il magazzino dov'erano sigillati Thanatos e Hypnos, in Germania vicino a Tubinga. Da notare che sebbene il castello si trovi nel Baden-Württemberg, esso è disegnato come quello di Neuschwanstein, csituato nella vicina Baviera[1]. Esso appare in tutti i manga della serie, ad esclusione di Episode G.

AmericaEdit

Three Miles IslandEdit

File:Three Mile Island (color).jpg

Si tratta della realmente esistente isola di Three Mile Island, sede dell'omonima centrale nucleare, e teatro del famoso incidente nucleare del 1979 che all'inizio di Episode G viene attribuito ad un ribelle del Santuario, per vendicarsi del fatto che il Sacerdote non l'avesse nominato Cavaliere, venendo fermato da un giovane Aiolia[10].

MessicoEdit

In Messico è ambientata la storia breve di Lost Canvas dedicata a Cardia dello Scorpione. I due luoghi finora mostrati sono il Tempio del Giguaro Nero (sede dei Jaguars, guidati dal sacerdote di Tezecatlipoca, Wesa) nascosto nella giungla, e il villaggio vicino dove Sasha e Cardia incontrano la giovane oste Calvera.

MareEdit

Regno sottomarino di NettunoEdit

File:Saint Seiya oceans map.svg

Il regno sottomarino è costituito principalmente dal Santuario dei Mari (graficamente ispirato all'accademia di Atene[1]), dove si trova la sua sala del trono del dio. Il mare sopra di esso è sorretto da sette Colonne (ognuna custodita da uno dei Generali degli abissi) divise per oceani (oceano Atlantico e Pacifico sono divisi in sttentrinale e meridionale), più la Colonna portante (Main Braed Winner in originale) posta dietro il trono di Nettuno).
In Lost Canvas viene mostrata Atlantide, descritta proprio come regno del dio dei mari. In questo manga il santuario del dio viene disegnato sull'acropoli della città, affiancato ad una statua rappresentate Nettuno. Sia la città che la statua vengono distrutte dalla lotta tra Degel dell'Acquario e Unity del Dragone Marino, e poi dal potere rilasicato dal frammento di oricalco appartenente al dio dei mari.

IsoleEdit

  • L'isola di Morgana, base dei Cavalieri di Morgana, nei Caraibi.
  • L'isola della Regina Nera (Isola Death Queen nell'adattamento del manga Star Comics, Death Queen Island in originale ) luogo di allenamento di Ikki e base dei Cavalieri Neri. Per alcune referenze, come la maschera di Guilty e la presenza di vulcani, sembrerebbe un'isola indonesiana affine a Bali
  • L'isola di Andromeda (Andromeda Island), luogo di allenamento di Shun. É un'isola desertica dove la notte la temperatura scende al di sotto dello 0 °C e di giorno supera i 50 °C.
  • L'Isola di Kanon, dove Ikki si reca per rinforzare la sua armatura in vista dello scontro con il Sacerdote, e dove nell'anime conosce Elena ed affronta Loto e Pavone. In Lost Canvas è l'isola dove vive Deuteros.
  • L'isola dei guaritori, dove vivono Luco e il suo allievo Pefkos, vicino al Grande Tempio. (CD Drama di Lost Canvas e capitoli speciali dedicati ad Albafica)

Regno degli inferiEdit

Il Regno degli inferi (in giapponese Meikai tradotto in "Mondo dei morti" nel manga) il regno di Ade, un luogo accessibile solo dai morti, da chi ha padronanza dell'Ottavo Senso o da chi possidede la protezione del dio degli inferi.
Esso si compone principalmente da Inferno (dove vengono puniti gli umani dopo la morte) ed Elisio, divisi dal Muro del Lamento e da una superdimensione attraversabile solo dagli dei. Sotto la giurisdizione del regno di Ade rientra anche la salita attraverso cui le anime giungono all'inferno (la Bocca di Ade), tuttavia nel manga classico appaiono dei buchi che collegano la Terra con l'oltretomba vicino al castello di Ade, base del suo esercito sulla Terra.

Bocca di AdeEdit

La Bocca di Ade (四泉比良坂 Yomotsu Hirasaka?, letteralmente la salita che conduce all'aldilà), è un luogo sinistro che precede il vero e proprio Inferno (Ade). Si tratta di un territorio arido e roccioso, costellato da fuochi fatui verdi-azzurri che illuminano fiocamente la zona, con vie sinuose , tutte inevitabilmente dirette verso la "bocca di Ade", la quale è ben visibile anche a grandi distanze, dominando il paesaggio come un imponente monte. Sulla cima si presenta come un'immane voragine, apparentemente senza fondo, nella quale si gettano le anime appena decedute. Una volta caduti nella voragine, non c'è più alcuna speranza per lo sventurato di turno di sottrarsi al suo triste destino di morte, perché finisce nel vero e proprio averno dove la legge di Ade lo vincola a finire condannato in una delle prigioni infernali.

Nelle varie opere della serie il colpo segreto dei Cavalieri del Cancro (gli "Strati di Spirito") è in grado di strappare l'anima dal corpo della vittima per poi spedirla lungo questa salita[11]. In condizioni "normali" non c'è comunque possibilità di ritorno da questo luogo ( si presume che le vittime degli Strati di spiritoo finiscano inevitabilmente per seguire le altre anime da poco decedute e cadare nella voragine infernale, morendo definitivamente a propria volta) a meno che non si benefici di aiuti esterni, come nel caso di Sirio aiutato direttamente dalla dea Atena.

In Lost Canvas apprendiamo che esite un passaggio segreto usato dagli Specter che collega la Bocca di Ade con la Sesta Prigione dell'inferno che si trova dentro un edificio in rovina custodito da Fedor della Mandragola.

InfernoEdit

Nell'universo dei Cavalieri dello Zodiaco l'Inferno (地獄 Jigoku?) è la zona del mondo dei morti dove gli umani vengono punti per i loro peccati, e nel crearlo Masami Kurumada si è ispirato a quello della Divina Commedia (seppur con alcune differenze, per esempio non è presente il Limbo) difatti vi si accede attraverso una porta che recita "Lasciate ogni speranza, Voi Ch'entrate" e la sala del trono di Ade è posta è situata nella zona della Giudecca all'interno del Cocito, dove nel poema si trovava Lucifero. Non è da confondere col Tartaro apparso in Episode G

Geograficamente l'inferno si compone del vestibolo (dove si trovano gli ignavi), il fiume Acheronte (o Sanzu[12]), e da "otto prigioni, tre valli, dieci malebolge e quattro sfere"[13]. Ogni zona é protetta da almeno uno Specter (Caronte ha l'Acheronte, Lune la prima prigione, Pharaoh la seconda...).
Nella zona più profonda dell'inferno (dietro il trono di Ade) si trova il Muro del Lamento (Muro del pianto nelle traduzioni dei manga) che lo separa dall'Elisio, mentre dietro la seconda prigione vi è un campo di fiori (dove si trova Euridice, fidanzata del Cavaliere della Lira Orfeo). Nella serie Lost Canvas anticamente vi era anche una magnolia (situata sulla cima di una cascata di sangue) che in qualche modo era risucita a raggiungere l'ottavo senso e ad arrivare nel regno dei morti.

IperdimensioneEdit

L'Iperdimensione è una dimensione di passaggio tra l'Ade e i Campi Elisi. Per accedere a questo passaggio è necessario creare una breccia nel Muro del Pianto. Solo le divinità, che non hanno bisogno di distruggere il muro, possono attraversare indenni l'Iperdimensione. Un'eccezione riguarda gli umani che sono dotati di un'armatura potenziata dal sangue di una divinità (o che comunque godono di protezione divina data sempre attraverso il sangue, come i sigilli usati da Sage), i quali non vengono distrutti appena entrano in questo spazio. L'Iperdimensione appare come una spazio geometrico infinito, similmente alla Dimensione oscura prodotta da Gemini, che ha come paesaggio pianeti e stelle sconosciute. In questo spazio gli umani rischiano di perdersi e vagare per sempre se le loro armature non sono dotate di ali. Thanatos possiede il potere di aprirlo a suo piacimento.

ElisioEdit

L' Elisio o Campi Elisi (エリシオン Elisyum?, tradotto dalla Panini in Eliseo[14]) sono presenti il tempio di Thanatos e di Hypnos e quello di Ade. È un luogo sereno e tranquillo, con un cielo azzurro, un sole limpido e ricoperto da un prato fiorito. A quanto viene detto da Hypnos non è mai stata versata una goccia di sangue sul suo terreno, almeno fino all'arrivo di Pegasus e dei suoi compagni. Oltre agli dei risiedono alcune ninfe, loro servitrici.

L'Elisio era già stato precedentemente nominato da Abel nel terzo film, indicandolo come il luogo dove vivono le anime degli antichi dei e dove il dio del Sole voleva condurre lo spirito della sorella Atena.

Altri luoghi non terrestri Edit


Mondo Celeste Edit

È il mondo dove abitano gli dei greci dotati del loro corpo originale, è un luogo assimilabile come l'Olimpo. Di questo mondo è stato visto qualcosa nel manga introduttivo al film Le porte del paradiso, ossia la prigione dov'era imprigionato Toma, prima di essere liberato per uccidere Pegasus e i suoi amici. Nel nuovo manga Saint Seiya - Next Dimension - Myth of Hades sequel del manga classico, Atena ed Andromeda si recano sull'Olimpo per incontrare Artemide, ed il monte si presenta molto grande con vari sentieri e valli, ricco di antiche rovine. Fin ora si è potuto vedere di questo luogo:

  • La strada dove si trova la colonna prima del Tempio di Artemide, dove Atena e Shun incontrano la strega luanre Hecate
  • Il tempio della dea della Luna, Artemide; un'immensa costruzione piramidale, residenza della dea e base delle sue Guardiane Lunari. Nelle sue vicinanze si trova la prigione lunare dov'è imprigionato Toma
  • Il lago dove dimora Chronos, il dio del tempo

NoteEdit

  1. 1.0 1.1 1.2 1.3 1.4 I modelli della serie su icavalieridellozodiaco.net
  2. Manga de I Cavalieri dello zodiaco, capitolo 3
  3. Come specificato nella noa del numero 2 dell'edizione Star Comics del manga classico
  4. Nell'edizione italiana degli OVA di Hades il luogo viene talvolta indicato solo come Tempio
  5. Anime di Lost Canvas, OVA 18
  6. nell'anime classico sembrano esserci due statue: una di pietra e una d'oro più piccola (apparsa al posto di quella di pietra durante la battaglia finale ocntro Gemini), posta sotto quella più grande. Queste due statue si possono notare nel film dedicato a Lucifero, al ritorno di Isabel al Grande Tempio.
  7. Anime di Lost Canvas, OVA 17
  8. La storia narrata nelle due opere è diversa
  9. Lost Canvas Anecdotes, capitoli da 19 a 27
  10. Manga di Episode G, capitolo 2
  11. Nel terzo OVA della serie Sanctuary allo Specter Rhadamante viene data una variete più potente degli Strati di spirito che sembra in grado di tletrasportare anche il corpo della vittima.
  12. Il Sanzu è l'equivalente dell'Acheronte nella mitologia buddista. In particolare Pegasus si riferisce al fiume come Sanzu quando lo vede per la prima volta, ma successivamente Caronte specificherà il nome Acheronte
  13. I Cavalieri dello zodiaco - Saint Seiya- Hades, OVA 14 (1 Inferno), edizione italiana
  14. Manga di Lost Canvas, capitolo 1, edizione italiana

Template:Cavalieri dello zodiaco

Categoria:Luoghi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.