FANDOM


Abel Phopebos
(太陽神フォェボス・アベル, Taiyōshin Febosu Aberu)
Debutto
Film La leggenda dei guerrieri scarlatti
Doppiatori
Giapponese Taichirō Hirokawa
Informazioni
Data di nascita Claudio Moneta (primo doppiaggio ufficiale e pirata Eden Video)
Massimo De Ambrosis (secondo doppiaggio ufficiale)
Specie Divinità
Sesso Maschio
Luogo di nascita Olimpo
Esercito Sacri Guerrieri di Febo
Affiliazione sé stesso
Rango Dio del Sole
Tempio Tempio della Corona
Famiglia
Famiglia Zeus (padre)

Atena (sorella)

Abel Phoebos[1] è l'avversario principale del terzo film dei Cavalieri e riappare anche nel quarto come alleato di Lucifero. Si tratta di un autoproclamato dio solare e fratello di Atena, il cui nome fu cancellato dalla storia a causa delle sue ambizioni.

Sebbene i suoi attributi (come la lira) e i suoi poteri facciano pensare che possa essere Apollo, in realtà i due sono personaggi diversi poiché in originale Abel non si presenta mai come Apollo (vedi sezione #Abel e Apollo)

StoriaEdit

Saputo che la sorella Atena è anche lei rinata sulla Terra, va a prenderla in un prato fiorito dove la Dea sta guardando il sole. Spiegatagli le sue intenzioni di purficare il mondo dall'umanità, l'accompagna al tempio della Corona con i Cavalieri d'oro resuscitati e i suoi tre cavalieri, Atlas, Jao e Berenice. Atena però ha solo finto di voler aiutare il fratello nei suoi piani di distruzione del mondo e ne approfitta per attaccarlo. Abel reagisce inducendo la sorella in un sonno forzato e profondo, che la condurrà in un cammino eterno vero i Campi Elisi. Alla fine Atena viene liberata da Pegasus e Abel viene trafitto dalla freccia d'oro di Sagitter.

Ritorna come spirito nel successivo film L'ultima battaglia, come spirito in quanto sostiene il potere di Lucifero ed attraverso di lui può esercitare il suo Cosmo scatenando eruzioni vulcaniche. Il demonio viene però sconfitto, ed Abel è cotretto a ritornare nel Makai insieme a Eris e Poseidone .

PoteriEdit

Abel mostra la capacità di creare delle piccole sfere di energia, che tiene nelle mani, che però hanno un immenso potere distruttivo, con questo attacco riesce, infatti, ad uccidere Isabel ed usa il suo Cosmo per condurla verso i Campi Elisi. Abel/Apollo è anche in grado di generare delle sfere di energia di media grandezza, il cui potere offensivo è immenso, basta pensare che con una solo di questi attacchi riesce a sconfiggere Crystal e Sirio e a danneggiare gravemante le armature d'oro della bilancia e dell'acquario; l'ultima abilità che il dio dimostra possedere, per quanto riguarda questo film, è la capacità di riflettere gli attacchi che gli vengono portati. Si dimostra anche in grado di riportare in vita i morti, riportando alla vita i Cavalieri d'Oro e di scatenare immense catastrofi naturali, in modo particolare connesse a terremoti e vulcani.

Abel e ApolloEdit

Bisogna far notare che l'identificazione del personaggio di Abel con il dio Apollo sembra essere un'esclusiva della prima edizione italiana del terzo film, sebbene il personaggio risulti ispirato al dio come poteri ed attributi, come la lira e l'uso dell'appellativo Febo.
A differenza del primo doppiaggio italiano de La leggenda dei guerrieri scarlatti eseguito dalla defunta Granata Press negli anni '90, in quello originale e nel secondo doppiaggio eseguito dalla Dynamic Italia, Abel non viene identificato come Apollo [2]. ed è presentato come un dio del sole fratello di Atena differente da Apollo, il cui potere era pari a quello del padre Zeus e la cui forza spaventò gli altri dei e perciò (come spiegato dal Maestro dei Cinque Picchi) "fu ucciso e scomparve dalla storia[3]. In originale il personaggio si presenta solo come Abel e mai come Apollo, ed anche se parlandone come divinità Dohko parlerà di lui come Febo (Splendente), nome che era un epiteto di Apollo, durante il film sia Isabel (che lui chiama col nome divino, quindi Atena) che altri personaggi si rivolgono a lui chiamandolo solo Abel. Molti fan italiani considerano Abel come il nome dell'umano in cui si è incarnato Apollo, sebbene nel primo doppiaggio italiano non si faccia mai riferimento a ciò e il nome di Abel non sia mai pronunciato.

Come già scritto vi è una somiglianza fisica fra i due, in quanto l'Apollo del quinto film è identico all'Abel del terzo come viso, ma non come colore e pettinatura, tuttavia i due personaggi divergono molto nel nel comportamento verso Atena: sebbene entrambi si considerino superiori agli uomini, Abel dimostra di amare molto la sorella ed a malincuore decide di condurre la sua anima nel regno dei morti, mentre l'Apollo de Le porte del paradiaso non si fa scrupoli a tentare di ucciderla bruciandone il corpo, poiché ritiene che sia una divinità inferiore visto che è rinata umana.


NoteEdit

  1. Nei settei ofiginali il suo nome è riportato come Phoebos Abel, mentre nel doppiaggio Dynamic come Abel Febo
  2. Scheda su Abel e scheda su Apollo dal sito francese SaintSeiyaworld.
  3. Cavalieri dello Zodiaco, La leggenda del ragazzo del Sole. Edizioni Star Comics

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.